Post it – Note sull’incontro del 10 novembre :Mercato del lavoro e new economy. Le sfide del lavoro nel settore delle ICT


orienta10nov16-1Con il saluto di Paola Romano, Assessore del Comune di Bari ( con delega alle Politiche giovanili, Educative, Università e Ricerca, Politiche attive del Lavoro)  R ha preso il via lo scorso 10 novembre presso PortaFuturo a Bari il ciclo di incontri organizzato da Formamentis e Manageritalia, “Giovani e manager orientati al futuro”, Ciclo di incontri di orientamento alla scoperta del mondo dei lavori”.

Ettore Ruggiero, coordinatore di Orienta, ha introdotto l’incontro delineando i grandi cambiamenti in atto nel mercato del lavoro ed  un approccio realista e proattivo che è possibile avere per esserne protagonisti.

Insieme a Giuseppe Pirlo (Professore associato Dipartimento di Informatica –  Università A. Moro- Bari) e Salvatore Latronico – Presidente Distretto Produttivo dell’informatica   e  amministratore della Openwork – Bari, “testimoni” privilegiati del settore si è avuto modo di conoscere “…un settore più ampio di quanto immaginiamo, …un ambito professionale e nel contempo un insieme di competenze trasversali, necessarie per quanti operano in altri settori.

Quali le professioni e le competenze del settore dell’ ICT (Information and Communication Technologies”) ?

Abbiamo appreso che la definizione di un quadro chiaro e preciso di competenze suddivise in 5 diverse aree e che riguardano molti profili professionali legati al mondo dell’Information and Communication Technology in tutti i settori industriali, è l’aspetto essenziale che caratterizza l’European e-Competence Framework (e-CF) 3.0.

Si tratta, in particolare, dello sviluppo di 40 competenze di riferimento, individuate e descritte con un linguaggio condiviso, che possono essere d’aiuto per l’assunzione di personale specializzato da parte di HR manager – così come per osservatori di mercato, istituti di formazione e altre organizzazioni legate al settore pubblico o privato. In effetti, oltre alla Commissione Europea e al Governo italiano, a recepire e raccogliere il segnale lanciato dall’e-Compentence Framework sono stati, tra gli altri, il Politecnico di Milano, alcune grandi aziende come Microsoft e Cisco, l’AGID e le 3 maggiori associazioni ICT in Italia (Assintel, Assinter, Assinform).

orienta10nov16-4L’e-CF, dunque, è uno strumento prezioso in mano alle imprese e alle organizzazioni la cui applicazione consente di uniformare skill e competenze sia di chi già lavora nel settore ICT, sia di chi vuole intraprendere una carriera in questo ambito.

Ed è utile ricordare che l’Italia ha avuto un ruolo di primo piano nella definizione del progetto: innanzitutto è stato il primo paese in Europa ad adottare l’e-CF sia come norma UNI valida per definire le competenze ICT, che a livello del CCNL del commercio. Inoltre il nostro paese è riuscito a ottenere la segreteria tecnica del nuovo Comitato di Progetto.

Analizziamo adesso da vicino cosa comporta l’e-CF e quali sono le sue peculiarità.

Il primo aspetto da notare è che l’European e-Competenze Framework non si basa su job profile già definiti, ma apre il concetto di competenze a macro-aree che possono interessare profili professionali diversi fra loro.

L’approccio, dunque, è flessibile ed estremamente utile agli addetti ai lavori per applicare i punti di riferimento stabiliti dall’e-CF a figure professionali ben precise e profilare i candidati in modo chiaro e rigoroso.

Attualmente l’e-CF 3.0 vede 40 competenze articolate, secondo diversi livelli di proficiency, in 5 grandi aree che coprono l’intero settore ICT, ovvero: PLAN (pianificare) –  BUILD (realizzare) – RUN (operare) – ENABLE (abilitare) – MANAGE (gestire).

Se vuoi approfondire l’argomento, visita questo sito dell’UnionCamere – Progetto Excelsior, per conoscere gli ultimi dati riguardanti il settore ed in genere il mercato del lavoro in Italia.

Al prossimo incontro! Ti aspettiamo all’ Istituto Tecnico Tecnologico “Guglielmo Marconi” a Bari per andare alla scoperta del settore : Meccatronica, Chimica e tecnologie.

Ricordati di prenotare, la partecipazione è gratuita, i posti limitati.